Esclusiva

25 Maggio 2021
In Fuga – Il Podcast sul Giro d’Italia

Storie, campioni, vittorie che hanno reso indimenticabile la gara di ciclismo più bella al mondo. Il Podcast di ZetaLuiss sulla 104esima edizione della Corsa rosa

«Il ciclismo mi piace perché non è uno sport qualunque. Non perde mai nessuno, tutti vincono nel loro piccolo. Chi si migliora, chi ha scoperto di poter scalare una vetta in meno tempo dell’anno precedente, chi piange per essere arrivato in cima. Chi ride per una battuta del suo compagno di allenamento, chi non è mai stanco, chi stringe i denti, chi non molla, chi non si perde d’animo, chi non si sente mai solo. Tutti siamo una famiglia, nessuno verrà mai dimenticato. Chi, scalando una vetta, ti saluta anche se ti ha visto per la prima volta, ti incita. Ti dice che “è finita”, di non mollare. Questo è il ciclismo, per me».

Marco Pantani

Nella seconda puntata del nostro Podcast:

  • il dominio di Egan Bernal. Cresciuto ciclisticamente in Italia, il colombiano sta appassionando i tifosi
  • la favola di Damiano Caruso. Partito come gregario, si ritrova a lottare per il podio
  • il britannico Hugh Carthy, terzo in classifica. Non una sorpresa
  • il punto di Riccardo Magrini sulla seconda settimana di corsa. Ex ciclista professionista, una tappa al Giro d’Italia e una al Tour de France nel 1983, è commentatore tecnico di ciclismo per Eurosport
  • l’impresa di Lorenzo Fortunato sullo Zoncolan. Figlio di un compagno di scuola di Alberto Tomba, corre con la Eolo-Kometa, squadra lanciata dagli ex ciclisti Ivan Basso e Alberto Contador. Proprio lo spagnolo si è emozionato nel vederlo trionfare in cima al “Kaiser”
  • un tifoso speciale. L’ex attaccante della Roma Roberto Pruzzo parla del coraggio dei corridori
  • Istrionico, mai banale, fuoriclasse quando sale in bicicletta. Anche in questa edizione Peter Sagan ha lasciato il segno

Con la partecipazione di Claudia Chieppa e Lorenzo Ottaviani.

Ascolta “In Fuga – Seconda Puntata” su Spreaker.