Esclusiva

21 Febbraio 2021.
 
Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2021
Combattere la disinformazione, primo passo per ricostruire

La sfida dell’Unione europea: riconquistare la fiducia nell’opinione pubblica, messa in discussione dalla pandemia. Questo il focus della Lectio Magistralis del Commissario Paolo Gentiloni.

Il Commissario agli affari economici e monetari, Paolo Gentiloni inaugurerà il nuovo anno accademico 2020/21 del Master di Giornalismo e comunicazione multimediale e del centro di ricerca Luiss Data Lab.

“Rebuilding Trust” è la parola chiave e tema della cerimonia, che si terrà il 25 febbraio alle ore 16, in remoto.

Il Presidente dell’Università Luiss Guido Carli Vincenzo Boccia aprirà i lavori.

Gianni Riotta, direttore del Master di Giornalismo del Luiss Data Lab, sarà il moderatore dell’incontro che prevede l’intervento di:

Giuseppe Tornatore, Regista Premio Oscar
Paola Antonelli, Curatrice del dipartimento di Architettura e Design del MoMa
Vittoria Colizza, Direttore di ricerca Epicx-lab dell’Inserm
Diego Piacentini,  Board member e advisor, già Commissario Straordinario per l’attuazione dell’agenda digitale e SVP of International Consumer Business per Amazon
Costanza Sciubba Caniglia, Giornalista e ricercatrice dello Shorenstein Center di Harvard
Alberto Barbera, Direttore della Mostra del Cinema di Venezia

La cerimonia si concluderà con i ringraziamenti di Livia De Giovanni, Presidente del Master di Giornalismo e condirettrice del Data Lab.

Per seguirla online basta registrarsi al seguente link ⬇️  
https://bit.ly/2MJxqFj

Gli ospiti della Lectio Magistralis di Paolo Gentiloni avranno la possibilità di confrontarsi sui grandi temi per il futuro dell’Europa e comprendere insieme come ricostruire la fiducia nell’anno della pandemia.

L’esplosione del Covid-19 è stata accompagnata da un’ondata globale di disinformazione che ha minato le risposte politiche, ampliato la sfiducia tra i cittadini e provocato un allontanamento progressivo dalle istituzioni. Economia, finanza, istituzioni, politica, cultura, sanità e mondo dell’informazione sono oggi settori travolti e la sfida dei prossimi anni sarà capire come rialzarsi e su quali strategie o rimedi puntare.