Esclusiva

Agosto 5 2022
Il cambiamento climatico non è causato dall’essere umano

La smentita della fake-news sul riscaldamento globale del sito byoblu

Il cambiamento climatico è uno dei più grandi problemi che la società contemporanea si trova ad affrontare. Nonostante la comunità scientifica sia unita nel considerare necessaria un’inversione di rotta del comportamento umano, il 06 luglio 2022, sul sito Byoblu, un articolo dimostra che i danni causati all’ambiente non siano di natura antropologica.

La tesi sostiene che nell’atmosfera terrestre si alternino cicli e sotto cicli e che periodicamente avvengano glaciazioni seguite da periodi molto più caldi. Il riscaldamento globale, che ha allertato gli stati e la comunità scientifica, secondo il fisico Franco Prodi, sarebbe conseguenza della “Piccola Glaciazione”, ossia un periodo compreso fra il 1600 e il 1750, durante il quale le temperature erano al di sotto della norma.
Nell’articolo pubblicato su Byoblu vengono riportate le parole di Prodi: “Per gli scienziati favorevoli alla spiegazione naturale il riscaldamento attuale non sarebbe altro che il seguito della piccola glaciazione”. Secondo il fisico, fra le cause del cambiamento climatico, è presente l’impatto dell’uomo, tuttavia non è possibile quantificarlo con attendibilità e fondamento scientifico.  

L’articolo mette in evidenza come i cittadini europei sarebbero ormai “resilienti” alle iniziative dello Stato che interviene “con sempre più vigore nella regolamentazione diretta della vita dei cittadini”. In realtà, non esistono studi in grado di provare questa tesi, al contrario la comunità scientifica ha dimostrato che il riscaldamento globale è strettamente legato al comportamento antropologico. Le emissioni di Co2 prodotte nell’ultimo secolo hanno subito una crescita esponenziale alterando drasticamente l’equilibrio del pianeta.

Nel rapporto IPCC, Climate Change 2022 (https://report.ipcc.ch/ar6wg3/pdf/IPCC_AR6_WGIII_FinalDraft_FullReport.pdf), vengo [FU1] sono illustrate le cause del cambiamento climatico e confermata come causa principale lo stile di vita e le abitudini della popolazione mondiale.

Franco Prodi durante la sua carriera accademica non ha mai pubblicato studi e ricerche scientifiche sul tema del riscaldamento globale e delle cause, al contrario già in passato ha esposto tesi divergenti dal parere quasi unanime della comunità scientifica prontamente smentite (https://pagellapolitica.it/articoli/gli-errori-di-franco-prodi-sul-clima).

Anche nel sito di National Geographic, Katharine Hayhoe, climatologa della Texas Tech University e Kathatine Wilkinson, scrittrice e podcaster famosa analizzano il futuro dei cambiamenti climatici. “Si afferma che il cambiamento climatico è effettivo ed è causato dall’uomo”. L’essere umano è la causa principale del riscaldamento globale ma, secondo le due esperte è possibile migliorarne la situazione, basti vedere come i livelli di CO2 sono migliorati durante il Covid -19 “le nostre scelte di oggi avranno un grosso impatto su quello che accadrà nel prossimo futuro”.

Le emissioni globali di gas a effetto serra sono aumentate fino al 2020, quando sono poi diminuite di circa il 7% in conseguenza al ridotto utilizzo di combustibili fossili. I danni causati al pianeta terra sono di natura antropologica a differenza di quanto sostiene il sito Byoblu. Il petrolio e il gas rilasciano CO2 che si disperde nell’atmosfera causando l’effetto serra. Il sito Che cos’è il cambiamento climatico: cause e rimedi – Focus.it dimostra come “le attività umane abbiano modificato l’atmosfera”.