Esclusiva

27 Febbraio 2020
Dopo due anni di gelo il vertice Conte-Macron

Il presidente della Repubblica francese sfida l’emergenza Coronavirus per partecipare a un summit bilaterale a Napoli con il premier Conte. Sono passati due anni dall’ultimo vertice intergovernativo

«Il est important d’être présent dans ce contexte difficile».

Così il presidente della Repubblica francese, che sfida l’emergenza Coronavirus nella penisola, per un bilaterale oggi pomeriggio a Napoli con il presidente del Consiglio italiano. 

Il 35esimo vertice intergovernativo vedrà la presenza di una delegazione ministeriale e industriale dei due Paesi. Per l’Italia sarà presente il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, il ministro degli Affari europei, Vincenzo Amendola, il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini. E’ importante sottolineare come questo sia il primo bilaterale dopo due anni di relazioni raffreddate.

I due paesi infatti avevano conosciuto delle tensioni durante il periodo di governo giallo-verde in cui, in particolare, l’ex ministro del Lavoro Luigi Di Maio aveva fatto molto discutere per aver incontrato, insieme ad Alessandro Di Battista, i  gilets jaunes che in quel periodo stavano mettendo a ferro e fuoco la capitale francese. Poco prima l’ex ministro dell’Interno Salvini aveva richiesto le dimissioni del presidente francese.

I rapporti con il nuovo governo sembrano migliorati e i due paesi hanno ritrovato delle posizioni comuni, in particolare su dossier europei come l’immigrazione. Su questo tema il presidente francese aveva già dichiarato in passato di essere favorevole a un meccanismo europeo automatico di ripartizione degli sbarchi.

Per suggellare la ritrovata intesa, i due paesi vogliono rilanciare il Trattato del Quirinale, annunciato già nel 2017, per dare una forma più stabile e ambiziosa alla cooperazione franco-italiana in materia economica, politica e militare con uno sguardo particolare allo Spazio.

Nel corso dell’incontro saranno anche trattati i grandi dossiers economici che legano i due paesi: la nuova società Naviris, frutto della fusione tra l’italiana Fincantieri e la francese Naval Group, destinata a rinforzare la difesa navale europea; la futura fusione tra FCA e PSA e la combattuta linea ferroviaria Lione-Torino. Nel corso dell’incontro si parlerà anche di Libia e Sahel. 

Prima del summit Macron si intratterrà in una visita culturale al centro di Napoli, poi si recherà con il sindaco Luigi de Magistris al Teatro San Ferdinando, associato alla memoria del drammaturgo Eduardo de Filippo. Dopo la visita al teatro Macron e Conte si sposteranno alla Cappella San Severo per una visita al Cristo Velato, quindi si trasferiranno a Palazzo Reale dove è previsto l’inizio del vertice.