Esclusiva

Dicembre 14 2021
Prevenire il femminicidio è possibile: Broken Windows Theory

Le misure del nuovo disegno di legge possono essere efficaci considerando il tempo che intercorre tra l’episodio di violenza e l’omicidio

«Sono l’89% le donne uccise in ambito familiare affettivo per mano del partner o ex partner». Secondo il report della Polizia di Stato aggiornato al primo semestre 2021 la famiglia non è più, come affermava il giurista Arturo Carlo Jemolo,  una «isola che il mare del diritto deve solo lambire». Il diritto interferisce nell’organizzazione domestica da quando la donna subisce maltrattamenti e violenze di ogni tipo.

Prevenire il femminicidio, «l’uccisione della donna in quanto donna», è possibile. Gli strumenti volti alla sicurezza della donna e all’allontanamento del carnefice sono gli obiettivi del disegno di legge approvato il 3 dicembre 2021 «per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della violenza nei confronti della donna e della violenza domestica». Le misure sono: l’estensione dei casi di procedibilità d’ufficio, senza cioè bisogno della denuncia, il fermo immediato di stalker e violenti in caso di imminente pericolo della donna e l’aumento delle pene per chi è già stato ammonito per violenza domestica. Sono strumenti volti alla sicurezza della donna e all’allontanamento del carnefice che possono prevenire il femminicidio. Influire sul tempo: è il mezzo del nuovo pacchetto di misure per evitare episodi terribili.

«Se la finestra di un edificio viene rotta e non viene riparata, tutte le altre finestre saranno presto infrante…se il vetro rimane rotto si manda un segnale di disinteresse…»: è la «Broken Windows Theory» dei criminologi statunitensi James Q. Wilson e George L. Kelling. Il vetro rotto, se non è riparato, nel tempo può agevolare una «insicurezza urbana» e, quindi, favorire «reati più gravi». Il rapporto Istat, l’Istituto nazionale di Statistica, del 2020 evidenzia: «…una diminuzione della percezione del degrado della zona in cui si vive…il 7,3% della popolazione dichiara di aver visto…atti di vandalismo contro il bene pubblico; si tratta del valore più basso dal 2010». «…La quota di persone che si dichiarano molto o abbastanza sicure quando camminano al buio da sole nella zona in cui vivono si attesta al 61,6% (era il 57,7% nel 2019)».

La violenza se non viene fermata, come il vetro rotto, permette il verificarsi di una spirale di reati fino all’omicidio. È un «reato abituale» che ha rilevanza penale «se lo stesso autore lo ripete nel tempo». Gli ordini di protezione, come il divieto di avvicinamento alla vittima, se non influiscono sulla volontà di commettere il reato possono agevolare il femminicidio. La donna viene uccisa, frequentemente, tra le mura di casa da partner o da ex partner quando vuole porre fine alla relazione. L’indipendenza e la libertà alle quali la donna aspira sono, molte volte, il movente dell’omicidio. Quanto meno tempo intercorre dal primo episodio di violenza alla protezione della vittima e all’allontanamento del reo, tanto più si può prevenire un’escalation di violenza.

Leggi anche: «Noi donne non stiamo tornando indietro, ma andiamo avanti troppo lentamente». Intervista a Emma Bonino