Esclusiva

Dicembre 6 2022.
 
Ultimo aggiornamento: Dicembre 7 2022
Georgia on my mind: Warnock vince il ballottaggio del 6 dicembre

Il pastore sulle orme di Martin Luther King, Raphael Warnock ha vinto il ballottaggio, contro l’ex stella del football americano, Herschel Walker

Cantata da Ray Charles, raccontata da Margaret Mitchell nelle pagine di Via col Vento e redenta dal reverendo King, la Georgia per una notte è stata la protagonista della politica americana con l’ultimo ballottaggio delle Midterms 2022. Il democratico Raphael Warnock e il repubblicano Herschel Walker si sono sfidati per l’ultimo seggio disponibile nel prossimo Congresso dell’Unione, in carica dal prossimo gennaio. L’elezione del centesimo senatore è stata vinta da Warnock, pastore della Ebenezer Chapel che fu di Martin Luther King. L’antipasto prima degli ultimi due anni dell’amministrazione Biden rende, adesso, più solida la maggioranza al Senato dei democratici.

Nella sfida storica tra due rappresentanti afroamericani, in uno stato che ha eletto il primo solo nel 2021 e dove fino agli anni ’60 vigevano ancora le Jim Crow Laws razziste e segregazioniste, è stata decisiva l’affluenza della comunità afroamericana, in crescita rispetto alle elezioni presidenziali del 2020. Il distacco, di soli 37.000 voti nella tornata di novembre, si è ampliata nella notte di ieri. Un distacco molto ampio nelle contee più popolose nelle periferie di Atlanta ed Augusta è valso la vittoria, mentre il consenso di Walker è rimasto forte nelle zone rurali e più povere dello Stato.

Nelle contee di Fulton, Cobb, Gwinnett e De Kalb, nelle periferie di Atlanta, dove risiedono più di 2 milioni di elettori, Warnock ha avuto un vantaggio medio di scarto del 42.5%.

Guardava con interesse verso il Peach state, il soprannome della Georgia, anche Donald Trump, appena candidato alle prossime presidenziali e sostenitore di Herschel Walker, a tal punto da organizzare un tele-rally a Mar-a-Lago per seguire l’esito del voto. La vittoria dell’ex giocatore della Nfl avrebbe rinforzato il caso di Trump all’interno del partito in ottica 2024, la capitolazione elettorale anche in Georgia, dopo la sconfitta in Pennsylvania di Mehmet Oz e in Arizona di Kari Lake, invece, ha avuto l’effetto opposto. Dopo l’8 novembre, con lo tsunami rosso trasformatosi in ruscello, e l’ottimo risultato del suo possibile rivale per le presidenziali, Ron De Santis, la risalita al vertice del partito repubblicano da parte di The Donald si complica, e non di poco.

Raphael Warnock è stato uno studente del Morehouse College, come Martin Luther King, e, come lui, pastore della Ebenezer Chapel, uno dei luoghi di riferimento della comunità afroamericana di Atlanta. Dopo aver iniziato l’attivismo politico nel 2014, quando ha deciso di iniziare a battersi nel suo Stato per estendere l’assistenza sanitaria a tutti, è stato eletto nel 2021, in un’elezione straordinaria dopo le dimissioni della repubblicana Katy Loeffler. A differenza del 2021, quando la sua elezione era risultata decisiva per le sorti della maggioranza democratica al Senato, in questo ballottaggio l’elezione di Warnock consolida i numeri convincenti con cui l’amministrazione Biden è uscita da queste Midterms e che le danno un’esigua maggioranza nella Camera alta.  

Nei prossimi due giorni la Georgia, citando Ray Charles, a causa di un seggio in palio dall’elevato valore simbolico, «rimarrà nella mente di tutti».